Auto

La disdetta dell’assicurazione auto

Cosa si intente per disdetta dell’assicurazione RC auto?

Si tratta di una pratica di chiusura del contratto assicurativo stipulato tra l’intestatario della polizza e l’impresa di assicurazione.

Sarebbe necessaria in caso di tacito rinnovo. Il fatto è che il decreto sulla Concorrenza, convertito in legge nell’agosto 2017, elimina formalmente la formula del rinnovo automatico per tutti i contratti RC auto e per tutte le garanzie correlate comprese nella polizza. Ne sono escluse solamente le assicurazioni sui rischi accessori (come il furto e incendio).

Questo significa che tutte le assicurazioni oggi vengono a scadenza annualmente e non vi è alcuna necessità da parte dell’assicurato o dell’intestatario di comunicare formalmente all’agenzia o alla compagnia la volontà di recedere.

Sarà sufficiente stipulare una nuova polizza con un’impresa di assicurazione diversa.

Il Decreto Bersani nella disdetta delle assicurazioni

Quanto detto vale però per le assicurazioni di durata annuale. Quelle con durata pluriennale sono vincolate diversamente.

A partire dal Decreto Bersani del 2007 una sovrapposizione di leggi ha generato una situazione particolare, sulla quale è dovuta intervenire la Corte di Cassazione (con la sentenza 9386) per fare chiarezza.

Sulle polizze di durata superiore all’anno, il decreto Bersani interveniva accordando la facoltà di recesso da contratti pluriennali con l’unico obbligo di un preavviso di 60 giorni. Ma la conversione del decreto in legge 40/2007 conferma la possibilità di recesso dal contratto auto, ma esclusivamente per i contratti con una durata di minimo tre anni.

Secondo la cassazione, la legge non abroga, né sostituisce la disposizione del decreto, ma vi aggiunge l’elemento “durata del contratto”.

La conclusione è che il recesso dell’assicurato da una polizza di durata pluriennale sulla base della legge Bersani del 2007 resta valido. Nel caso di contratti antecedenti alla legge e operativi nel giorno della sua entrata in vigore, il recesso è ammesso con il limite dei tre anni. Da quelli stipulati successivamente alla data di entrata in vigore, la recessione è possibile con preavviso di 60 giorni.

Come disdire la polizza assicurativa

Nei casi in cui sia necessaria, se si voglia richiedere la disdetta del contratto assicurativo auto, è necessario compilare un modulo che si può scaricare online o reperire in una delle agenzie della compagnia. In alternativa, è possibile scrivere la richiesta su di un foglio in carta semplice.

Gli step da seguire sono:

  • Compilare il modulo, con i dati personali, i dati della polizza e la targa dell’auto;
  • Firmare il modulo;
  • Inviare il modulo con raccomandata A/R (attenzione, perché dovrà arrivare almeno 15 giorni prima della scadenza del contratto).

Il preavviso nella disdetta

È di capitale importanza ricordare che nel caso non si invii la comunicazione scritta di disdetta entro i 15 giorni, la stessa polizza si ricondurrà automaticamente. E questo anche nel caso si sia nel frattempo provveduto a stipulare una nuova polizza con una diversa compagnia.

Nel caso ci si rifiuti di pagare la polizza RC Auto alla compagnia con la quale il rapporto non sia stato correttamente concluso, si rischia di ricevere un decreto ingiuntivo di pagamento, senza alcun sollecito o altra comunicazione preliminare, dal Giudice di Pace. Questo ovviamente comporterà un aggravio di spese legali.

Un ultimo punto da tenere a mente è che un’assicurazione scaduta, mantiene la propria copertura con un periodo di tolleranza massimo di 15 giorni. A partire dal sedicesimo giorno, in caso di sinistro, anche senza colpa o concorso di colpa, i danni saranno a carico del conducente non assicurato. Inoltre, il veicolo trovato con assicurazione scaduta da oltre 15 giorni è soggetto a confisca immediata da parte delle Forze dell’Ordine.