Auto

La scatola rosa dedicata alla sicurezza delle donne in auto

Sicurezza delle donne in autoDedicata a un’utenza prettamente femminile, la “Scatola Rosa” è un dispositivo per la sicurezza stradale, capace di semplificare le richieste di soccorso in caso di incidenti, guasti meccanici e aggressioni.
Il progetto, sviluppato dal Dipartimento per le Pari Opportunità e dalla fondazione ANIA, in collaborazione con i maggiori produttori di navigatori satellitari, ha assistito al suo debutto ufficiale durante la 32esima edizione del Motor Show di Bologna. Da allora, l’impegno di tutelare la sicurezza delle donne alla guida non è mai venuto meno. A riprova di ciò, lo scorso 8 Marzo, l’Associazione nazionale fra le imprese assicuratrici ha lanciato una nuova campagna di sensibilizzazione: 100 scatole rosa in regalo alle prime automobiliste aderenti al progetto, più tre anni di abbonamento gratuito ai servizi di emergenza.

SCATOLA ROSA: COME FUNZIONA?
In sostanza, la scatola rosa non è altro che un dispositivo satellitare da installare sull’autovettura. Il suo sistema di localizzazione comprende un modem GSM, un ricevitore GPS e una scheda di memoria, dove vengono registrati i dati di viaggio. Più precisamente, vengono elaborati parametri come il tempo di accensione, i chilometri percorsi e gli eventuali incidenti con altri veicoli o con ostacoli fissi, ma anche i possibili ribaltamenti e le uscite di strada.
Per comunicare alla centrale la situazione di pericolo, l’utente dispone di un pulsante, all’interno dell’auto, e di un telecomando, funzionante entro il raggio di alcuni metri dal veicolo. Una volta ricevuta la segnalazione, la centrale provvederà a contattare la conducente sul numero di telefono rilasciato all’atto dell’attivazione dei servizi. Qualora venga confermata la richiesta di aiuto, o nel caso in cui l’utente non risponda al cellulare, verranno allertati automaticamente i soccorsi.
L’intento è appunto quello di offrire uno strumento in più alla tutela delle guidatrici, permettendo loro, in caso di necessità, di comunicare immediatamente alle Forze dell’Ordine, ai soccorsi medici o meccanici, la posizione del proprio veicolo.

PRIVACY, NESSUN COMPROMESSO
Come regolamentato dalla normativa sulla privacy, i dati riguardanti il veicolo su cui è installata la scatola rosa sono sensibili e non possono essere divulgati. Ciò significa che non verranno mai comunicate a terze parti la posizione e il percorso del veicolo, eccetto in caso di furto, incidente o richiesta di soccorso.
Ai dati, disponibili unicamente in modalità protetta, hanno accesso esclusivo l’utente e la fondazione ANIA. L’associazione, tuttavia, potrà raccoglierli soltanto per fini statistici e di ricerca.

Immagine presa da: www.omniauto.it