Alla ricerca di una soluzione per spendere meno e possedere un bene sempre più di prima necessità, molte persone arrivano oggi a considerare seriamente l’ipotesi di un noleggio a lungo termine: conviene? Di cosa si tratta?

Altro non è che una formula di abbonamento mensile, che consente di avere un’auto senza acquistarla e senza spendere soldi per la sua manutenzione.

Abbiamo detto “abbonamento mensile”, ma in realtà quando si stipulano questi contratti, si va da un minimo di due anni, fino ad un massimo di cinque. Ovviamente, non tutti i canoni avranno lo stesso costo, in quanto variano in funzione dei km che si prevede di percorrere, della tipologia di auto e della sua casa produttrice.

Ma davvero non vi sono spese aggiuntive oltre al canone mensile? Sì, ad eccezione dell’acquisto del carburante e le eventuali sanzioni amministrative.

La formula potrebbe essere assimilata a quella del classico noleggio, quello che la maggior parte delle persone utilizza prendendo l’auto presso le agenzie presenti negli aeroporti, nelle principali stazioni ferroviarie e nei centri città.

Il noleggio a breve termine, però, solitamente è utilizzato dai vacanzieri o dai professionisti per uno o più giorni, fino ad un massimo di 3 o 4 settimane (non esiste tuttavia un tetto massimo previsto, anche se al di là di un certo numero di giorni, i dettagli contrattuali andranno concordati con la singola agenzia).

Un altro tratto distintivo del noleggio a breve periodo è che il costo giornaliero è inversamente proporzionale alla lunghezza del noleggio stesso: per più tempo si terrà la macchina, meno si pagherà; e viceversa. L’auto poi, può essere riconsegnata in sedi diverse da quella in cui è stata presa e, generalmente, comprende l’assicurazione contro furti e sinistri.

I dettagli delle offerte del noleggio a lungo termine

Il pacchetto compreso nel noleggio a lungo termine, invece, è estremamente dettagliato, dato che chi usufruisce del servizio non vuole avere nulla a cui pensare, eccetto il pagamento della rata.

Per questo, l’ assicurazione RCA comprende, oltre alle clausole minime previste per legge, anche la protezione contro Incendio e furto e la Kasko. Anche il bollo auto è compreso nel canone mensile, così come tutto quello che riguarda la gestione del post sinistro: dall’assistenza telefonica per la compilazione della documentazione, all’assistenza stradale, passando per l’auto sostitutiva prevista per tutto il periodo necessario per la riparazione.

E in caso di guasti improvvisi? Anche questo è preso in carico dall’agenzia di noleggio a lungo termine (come il soccorso e l’assistenza stradale), così come, in prossimità dei tagliandi, gli operatori si occuperanno di prenotare gli appuntamenti presso l’officina autorizzata più vicina. A cambio stagione, sarà infine possibile provvedere alla sostituzione degli pneumatici (da estivi ad invernali e viceversa) e alla relativa procedura di equilibratura e convergenza.

Ma conviene davvero?

Il costo del noleggio a lungo termine, a parità di modello di auto, generalmente conviene rispetto all’acquisto di una vettura nuova.

Vi possono, però, essere delle variabili che potrebbero fare pendere il piatto della bilancia a favore dell’acquisto, anziché del noleggio: la possibilità di dare l’auto in permuta al concessionario, altri sconti applicati dalla concessionaria o acquisti a km 0, abbassano il prezzo di listino del nuovo, rendendo preferibile procedere all’acquisto.

A questo si aggiunga il valore dell’usato: se dopo pochi anni decidessimo di acquistare un’altra auto, potremmo valutare la vendita del nostro usato, mossa non possibile in caso di noleggio.

Quando conviene il noleggio a lungo termine? E quando l’acquisto?

Ma allora, vi sono dei casi in cui il noleggio a lungo termine conviene?

Generalmente, questa scelta risulta vincente per chi decida a priori di tenere un’auto per poco tempo (mediamente non oltre i tre anni). Al contrario, più si allunga il periodo di detenzione del veicolo e più le spese che si andranno a pagare si avvicineranno a quelle che si sarebbero affrontate per comprare un‘auto nuova.

Insomma, si risparmia mantenendo la proprietà di un veicolo per almeno 7 o 8 anni, soprattutto in caso sia alimentato a metano; oppure, noleggiando un’auto per pochi anni e cambiandola spesso. In questo modo, si risparmieranno sia il tempo per effettuare tutte le pratiche amministrative legate alla sua gestione (RCA, bollo, tagliandi, …), sia eventuali rotture improvvise e straordinarie di componenti particolarmente costosi (come le parti del motore).