Assicurazione pagata, sì o no?

Da quando, il 18 ottobre 2015, è decaduto l’obbligo di esporre il contrassegno del pagamento dell’assicurazione RCA, come si può fare per verificare che il veicolo sia in regola e possa circolare senza incorrere in sanzioni?

Certo, basterebbe cercare tra tutti i documenti cartacei conservati a casa, ma da quando è in opera la digitalizzazione di molte pratiche amministrative, e non solo, i documenti cartacei passano in secondo piano: sono di lenta e difficile consultazione, non sempre sono in ordine e ancora meno si riesce a trovare quello che si cerca.

Come possiamo, allora, effettuare il controllo assicurazione auto?

Il numero di targa per verificare

Il controllo può essere effettuato comodamente dal pc di casa, ma anche tramite app da un device portatile (smartphone o tablet: esistono app per Android, altre per iOS e tutte sono gratuite), quindi anche in tempo reale. Comodo, no? Inoltre, allo stesso modo in cui facciamo il controllo assicurazione auto per noi, lo possiamo fare anche per qualsiasi auto di altri privati cittadini

Perché, tuttavia, dovremmo interessarci all’auto di un altro? Oltre che per semplice curiosità,  la procedura ha la sua utilità in particolare in caso di sinistro. Grazie al controllo assicurazione auto potremo sapere quindi se la controparte sia assicurata, con quale compagnia, oltre alla data di scadenza della polizza in questione.

Il Portale dell’Automobilista

Come fare quindi?

Sarà sufficiente munirsi del numero di targa del veicolo che ci interessa e recarsi sul portale dei servizi di e-government del Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti, il Portale dell’Automobilista.

Qui dovremo cliccare su Veicolo o su Ciclomotore, a seconda di quello cui siamo interessati. Nel primo caso, si dovrà scegliere dal menu a tendina il tipo di veicolo, inserire il numero di targa, il codice captcha e cliccare su Ricerca. Nel secondo caso, si digita il numero di targa, il numero relativo al Contrassegno di identificazione del Ciclomotore (CIC) e, di nuovo, il codice captcha.

In entrambi i casi arriveremo alla pagina dei risultati e conosceremo così:

  • La compagnia assicuratrice;
  • La data di scadenza della polizza;
  • Lo stato della copertura RCA;
  • Il saldo punti patente;
  • La classe ambientale dell’auto (indicata dalla dizione “Euro”, accompagnata da un numero da 0 – massimamente inquinante – a 6 – i propulsori più recenti e quindi più attenti all’ambiente;
  • Se il mezzo possa essere guidato da un neopatentato.

Le informazioni relative alla copertura assicurativa sono aggiornate in tempo reale dalle compagnie assicuratrici.

 

Ovviamente, trattandosi di un servizio istituzionale italiano, il Portale dell’Automobilista potrà essere impiegato solo per ottenere informazioni relativamente a veicoli immatricolati nel nostro paese. Chi invece fosse interessato a conoscere dati relativi ad auto estere, dovrà recarsi sul sito internet della Consap (Concessionaria Servizi Assicurativi Pubblici), anche se in questo caso la procedura sarà leggermente più lunga, necessitando anche di stampare un modello, compilarlo e inviarlo via fax, posta elettronica o PEC.

Quali sanzioni per chi circola senza copertura assicurativa?

L’articolo 193 del Codice prescrive categoricamente l’obbligatorietà della copertura assicurativa RCA per poter circolare con qualsiasi veicolo a motore. Chiunque circola senza la copertura dell’assicurazione è soggetto alla sanzione amministrativa del pagamento di una somma da € 849 a € 3.396.