Auto

Furto dell’auto: puoi essere risarcito se non disponi più della seconda chiave?

Cosa succede se si subisce il furto di un’auto?

Se nel contratto stipulato con l’assicuratore è contenuta anche l’opzione “furto e incendio”, la compagnia provvederà al risarcimento del valore dell’auto.

Ma cosa succede nel caso in cui il proprietario dell’auto rubata non sia in grado di consegnare all’assicurazione entrambe le chiavi? È possibile ottenere il risarcimento per il furto auto senza seconda chiave?

La denuncia del furto

Nel caso si subisca il furto della propria auto, sarà necessario innanzitutto presentare denuncia presso una caserma dei Carabinieri o un commissariato di Polizia, accompagnandola da un documento di identità del proprietario e dai documenti del veicolo stesso (o almeno di quelli di cui ancora si disponga, nonostante il furto). Questa stessa denuncia andrà poi presentata presso gli uffici dell’assicurazione, al momento di richiedere il risarcimento.

Il risarcimento sarà calcolato sulla base del valore dell’auto al momento del furto, a cui in alcuni casi verranno sottratti un importo pari all’IVA (sul prezzo di listino) e una quota (decisa dalla compagnia) fissa per ogni anno di vita del veicolo.

Il risarcimento e il ritrovamento dell’auto

Le tempistiche per ottenere il risarcimento possono variare da assicurazione ad assicurazione, ma, prese in considerazione le valutazioni tecniche che dovranno essere effettuate e le verifiche presso le forze di Polizia, l’attesa rischia di protrarsi per qualche tempo.

Che succede nell’ipotesi in cui il veicolo venga ritrovato?

Se Carabinieri o Polizia, in seguito ad indagini o altro, dovessero entrare in possesso dell’auto oggetto del furto, allora questa verrà riconsegnata al legittimo proprietario. Se l’assicurazione, al momento del ritrovamento, non ha ancora provveduto al risarcimento, questo viene bloccato e il proprietario riceverà invece il pagamento dei danni subiti dal veicolo (così come indicati dalle Forze dell’Ordine nel verbale di ritrovamento).

Se invece il proprietario è già stato rimborsato, può decidere se tenere la somma di denaro ricevuta e perdere ogni diritto di proprietà sull’auto (che diverrà proprietà dell’assicurazione), o se riconsegnare l’intera somma ricevuta e riprendere possesso del veicolo.

Ma se manca la seconda chiave?

E cosa dire del risarcimento per il furto auto senza seconda chiave?

In questo caso, la scelta di rimborsare il proprietario dell’auto che disponga di una sola chiave è a discrezione della compagnia di assicurazione, ma solo nel caso in cui chi ha smarrito la chiave abbia fatto pronta denuncia all’epoca dello smarrimento.

Questo significa che nel caso in cui si subisca il furto dell’auto, ma si disponga di una sola chiave e non si sia mai presentata la relativa denuncia, non si potrà il risarcimento.

A supportare questa posizione è intervenuta anche la Corte di Cassazione, con una sentenza, la 14422 del 2016, che stabilisce chiaramente come “qualora le parti del contratto abbiano espressamente subordinato l’operatività della garanzia assicurativa all’adozione, da parte dell’assicurato, di determinate misure di sicurezza, il giudice non può sindacare la loro concreta idoneità ad evitare l’evento dannoso”.

In altri termini, se l’automobilista non adotta misure adeguate ai fini della prevenzione di un evento dannoso (se quindi non conserva le due chiavi al sicuro da terzi), la compagnia è in diritto di negare l’indennizzo per il furto.

Quindi, non è possibile richiedere il risarcimento furto auto senza seconda chiave.