Moto

Gli pneumatici per moto: tipologia e criteri di scelta

Come scegliere gli pneumatici per la propria moto?

Vi sono almeno tre elementi da prendere in considerazione nella valutazione su quali gomme moto montare.

La tanto scontata, quanto fondamentale regola da cui partire è quella delle misure, che devono essere compatibili con quanto riportato sul libretto di circolazione. Il non rispetto di queste indicazioni pone a rischio di ammende, anche salate, nell’eventualità di un controllo da parte delle Forze dell’Ordine.

In secondo luogo, ogni moto dovrà montare delle gomme adatte alla propria tipologia: enduro, stradale, touring, custom. Inutile, dannoso ed eventualmente pericoloso abbinare delle gomme diverse a quelle consigliate.

La terza ed ultima valutazione è puramente soggettiva: tenuti fermi i punti precedenti, sarà il motociclista, in base ai propri gusti, alle sensazioni di guida e al tipo di strada che dovrà percorrere, che potrà effettuare la scelta definitiva.

Se al Codice della strada non si transige e se il gusto (di guida) è insindacabile, non resta che andare a vedere la tipologia di gomme moto adatta ad ogni due ruote.

La moto stradale e i suoi pneumatici

Per le cosiddette “stradali” esiste un’ampia varietà di gomme moto, ma tutti gli pneumatici per questo genere di “due ruote” si possono suddividere in tre macro-categorie: stradali standard, touring e supersportivi.

Pneumatici stradali standard

È il prodotto più diffuso e commercializzato: si adatta tanto al motociclista esperto, con svariate migliaia di km sulle spalle, quanto a quello alla sua prima esperienza da centauro. Sono caratterizzate da un equilibrio sostanziale tra durata (tra i 4.000 km e i 6.000 km) performance e facilità d’uso.

Non necessitano di essere portate a temperatura per dare il massimo dell’efficienza e della sicurezza, sono quasi sempre bimescola (una per i tratti rettilinei e un’altra, sulle sezioni laterali della gomma, per la massima aderenza in curva) ed hanno un buon numero di intagli sul battistrada che ne consentono un uso sicuro, anche su terreni umidi, bagnati e sporchi.

Pneumatici touring

Anche in questo caso, ci troviamo di fronte ad un prodotto adatto sia ad un utilizzo quotidiano (casa – lavoro, per intenderci), sia a viaggi lunghi, su diverse tipologie di strada e in condizioni meteo mutevoli (percorsi con tour di diversi giorni o settimane). Queste gomme mantengono la tenuta di strada e garantiscono la sicurezza di guida a qualsiasi temperatura (anche con qualche cm di neve, all’occasione), senza necessità di un preriscaldamento. Si caratterizzano per una durata sicuramente superiore ai 6.000 km.

Pneumatici Supersportivi

Dette anche gomme moto Racing, si fanno notare per un basso, anzi bassissimo livello di intagli sul battistrada: si parla anche di “gomme lisce”, dove in questo caso l’aggettivo non ha un’accezione negativa o “fuori legge”.

La mescola e il disegno del battistrada sono indicati per raggiungere elevate prestazioni, ma solo dopo un adeguato riscaldamento. In caso di giri in pista sotto la pioggia, esiste la versione wet rain, che, a differenza della slick, riesce a drenare l’acqua. Questi pneumatici sono riservati all’utilizzo in pista e la loro durata è senza dubbio inferiore ai 3.500 km.

La moto enduro e i suoi pneumatici

Si cambia completamente ambientazione, tipologia di strada e sicuramente anche “famiglia” di motociclista. Chi si siede in sella ad un enduro, generalmente, non mira a percorrere migliaia di km in un anno, ma piuttosto a differenziare il tipo di fondo stradale: potrà partire dall’asfalto puro, passando per lo sterrato o per un misto sabbioso, un sentiero o delle superfici bagnate, ma anche infangate e parecchio “sporche”.

Ovviamente gli pneumatici dovranno essere adatti: utilizzo di una gomma tenera per consentire alla ruota di aderire il meglio possibile a tutte le asperità del terreno; battistrada “alto”, con larghi ramponi per offrire adattabilità e prestazioni elevate.

La durata di queste gomme è approssimativamente intorno ai 15.000 km.

La moto custom e i suoi pneumatici

L’ultima tipologia di moto, e quindi di pneumatico, è quella custom. L’ideal-tipo di custom è ovviamente l’Harley Davidson, ma altri marchi propongono da decenni questo genere di moto, estremamente comoda, con un baricentro molto basso, perfetto per i lunghi viaggi a velocità relativamente ridotte.

La mescola dello pneumatico per moto custom è di durezza intermedia, proprio per garantire un’ottima aderenza, anche a temperatura di funzionamento bassa. Il battistrada è piuttosto scolpito e tutta la gomma ha una struttura rinforzata, per supportare peso e movimenti della moto. Durata tra i 18.000 km e i 20.000 km.