Un dato rassicurante giunge da una ricerca condotta dal centro studi Continental: il numero degli incidenti stradali che hanno coinvolto mezzi a due ruote si è sensibilmente ridotto nel corso dell’ultimo lustro. L’arco temporale preso in esame è quello compreso tra il 2008 e il 2013 e l’indagine ha interessato 12 comuni italiani di grandi dimensioni. I sinistri che hanno avuto per protagonista uno o più motocicli sono calati del 31% passando da 83.985 a 57.978. Tra le città virtuose, sul podio trionfa Venezia con un decremento del 43,8%; occupano a pari merito il secondo posto Milano e Bologna con una diminuzione del 38%; Firenze è terza con un calo del 33,7%. Sul versante opposto, fanalini di coda sono Genova, Palermo e Catania: non si può tuttavia parlare di città poco virtuose perché anche in questi comuni si è registrata una riduzione dei sinistri ma in misura minore rispetto alla media nazionale.

Come si spiegano questi dati incoraggianti e che ben fanno sperare per il futuro? Le cifre appena citate parlano da sole: il numero dei motocicli e dei ciclomotori in circolazione è rimasto sostanzialmente inalterato mentre gli incidenti sono in calo. Si individuano tre fattori che hanno ingenerato questo circolo virtuoso. Da un lato, i blocchi della circolazione dovuti all’inquinamento dell’aria e altre misure dirette a limitare la circolazione delle due ruote nei centri città hanno costretto molti centauri a lasciare il mezzo nel box. Dall’altro lato, l’innalzamento degli standard di sicurezza e l’installazione di dispositivi sempre più tecnologici ed efficienti hanno giocato un ruolo primario nella riduzione del rischio di sinistri anche in presenza di condizioni meteorologiche avverse o di un manto stradale insidioso. E, non certo ultime per importanza, le campagne di sensibilizzazione sul tema della sicurezza stradale presenti online, sulla carta stampata e in tv hanno incrementato il livello di consapevolezza e il senso di responsabilità di chi conduce un motociclo.

Lo scenario descritto non è certo privo di risvolti positivi anche sul piano assicurativo. Quando si parla di assicurazioni, i profili che vengono evidenziati maggiormente sono quelli legati alle truffe e ai rincari dell’Rc o ad altri fattori che comportano un aumento dell’importo della polizza. La notizia della riduzione del numero degli incidenti stradali non può che essere recepita favorevolmente dai proprietari delle due ruote: alla luce di questi dati a beneficiarne è il sistema assicurativo nel suo complesso e c’è da attendersi nel medio periodo una diminuzione anche dell’ammontare del premio.

Immagine presa da: www.ansa.it