ConTe.it

La sospensione della polizza moto, come fare?

Tra i motociclisti, gli irriducibili non scendono mai dalla sella, nemmeno in caso di pioggia e gelo.  Tuttavia, una buona parte dei possessori di una due ruote, volente o nolente, nei mesi invernali tiene immobilizzata la moto, almeno fino all’arrivo della primavera.

Quella che potrebbe sembrare una scelta opinabile, si rivela essere efficiente da un punto di vista finanziario; almeno per quello che riguarda l’RCA. Esiste infatti, presso molte compagnie di assicurazioni anche online, la possibilità di richiedere la sospensione della polizza moto.

Quando sospendere l’assicurazione moto?

È una pratica che consente, fondamentalmente, di congelare il premio e tutti i suoi effetti per un determinato periodo di tempo, che, entro certi limiti, è a discrezione dell’assicurato. Questo significa che, per tutto il periodo in cui si decida di non utilizzare la moto, la sua assicurazione sarà inattiva: i suoi effetti riprenderanno nel momento in cui la si riattiverà. Ma quello che qui maggiormente rileva è che anche la rata è congelata e la sua scadenza viene fatta slittare in avanti nel tempo.

Ogni compagnia è libera di decidere diversi criteri di applicazione di questa formula, ma in genere è previsto un periodo minimo di sospensione (per le polizze ConTe.it, ad esempio, il periodo di sospensione della polizza moto, per poter beneficiare del posticipo della scadenza annuale, dovrà superare i 90 giorni) e un periodo massimo, al di là del quale, il contratto relativo alla polizza non riattivata si estinguerà e l’assicurato perderà la rata residua (questo periodo, nel caso di ConTe.it è pari a 12 mesi).

Al momento della stipula del contratto con clausola di sospensione, pensa a farti dare tutte le informazioni necessarie, le condizioni di validità ed ogni altro dettaglio utile.

Nel momento in cui poi si decida di sospendere la polizza moto, bisognerà provvedere a inviare o a consegnare alla compagnia le copie originali del certificato di assicurazione e la carta verde. Queste saranno restituite quando si deciderà di riattivare la copertura assicurativa.

Sospendere l’assicurazione moto per vendita

Altre condizioni da rispettare per poter beneficiare della sospensione della polizza moto presso molte Compagnie, sono quelle di richiederla almeno 30 giorni dopo la stipula del contratto e a non oltre 30 giorni dalla scadenza.

Vi sono tuttavia delle eccezioni, che consentono di richiedere la sospensione dell’assicurazione in qualsiasi momento dell’anno, quindi anche a ridosso dell’apertura del contratto o della sua conclusione. Questi casi sono tutti quelli che concernono la vendita della moto, così come la sua demolizione, il conto vendita e la permuta. La stessa possibilità si applica anche ai casi di esportazione definitiva e a quello in cui si subisca il furto del mezzo a due ruote. In questi casi è anche possibile richiedere alla compagnia il rimborso del premio pagato e non goduto.

Un ultima annotazione importante: nel periodo di sospensione della polizza, la moto non potrà circolare nemmeno per pochi metri, né tantomeno sostare in luoghi pubblici (strade, parcheggi, ecc.). Il rischio, anzi la certezza, è quella di incorrere nelle sanzioni amministrative previste per chi non sia in possesso di regolare copertura assicurativa.