La moto: una passione!

Un possessore di moto non è come un qualsiasi proprietario di un’auto: è un appassionato, a volte maniaco, che fa della manutenzione “fai da te” un punto d’onore. Entro i limiti concessigli dalle proprie conoscenze in meccanica, ovviamente.

freni motoCambiare le pastiglie dei freni della moto è una di quelle operazioni che sicuramente non è semplice come gonfiare le ruote alla pressione giusta, ma che non è nemmeno impossibile.

Basta avere un po’ di manualità, dello spazio a disposizione e gli strumenti giusti.

Quali sono gli strumenti necessari?

Pastiglie freno, aspiratore, strumento per il rientro del pistone della pinza, gancio pinza, spazzola in acciaio, acetone, carta abrasiva grana 400, tester per liquido freni e liquido freni.

Si ricorda che le pastiglie vanno cambiate ad intervalli regolari (il consiglio che va per la maggiore è quello dei 1000 km) e sostituite non appena arrivano ad usura.

La sostituzione delle pastiglie dei freni della moto

Fase preliminare

Se le pastiglie si sono consumate regolarmente, il livello del liquido freni nel serbatoio deve essere al minimo. Se così non fosse, o se il liquido fosse stato aggiunto di recente, quello in eccesso va aspirato preventivamente per evitare che fuoriesca alla sostituzione delle pastiglie.

Prima di passare alla fase di smontaggio, la cosa migliore da fare è quella di rimuovere lo sporco presente sulle pinze con un getto d’aria compressa.

Lo smontaggio

Posizionandosi ora all’altezza dei freni, si procede alla rimozione delle vecchie pastiglie e, nel caso siano presenti, delle piastrine antirumore e delle mollette di fissaggio.

Nel caso in cui il modello di moto richieda la rimozione della pinza, si consiglia di utilizzare una chiave dinamometrica. Con l’aiuto di una corda elastica o di ganci si sospende la pinza per tutta la durata dell’operazione di sostituzione delle pastiglie, senza sottoporre il tubo freno ad una pressione eccessiva.

Alcuni modelli di pinze freni sono dotati di pistoni con para-polvere. Dove non siano presenti, è possibile procedere ad una pulizia del vano pastiglie premendo sulla leva del freno anteriore e sul pedale di quello posteriore. Questo movimento, da fare non oltre il 50% della corsa disponibile, consente la pulitura del pistone.

Pulire la pinza freno

Estrarre i pistoni dalla pinza ed utilizzare una spazzola con setole in ferro per pulire l’interno. Prima di procedere ulteriormente, bisogna verificare che le guide della pinza, il pistone e il para-polvere non siano danneggiati. Se così fosse, è necessario provvedere alla sostituzione.

Per lubrificare le guide della pinza è assolutamente necessario utilizzare un apposito grasso sintetico. Qualsiasi altro prodotto non potrebbe sopportare le alte temperature cui è sottoposto l’impianto frenante di una moto e causare il grippaggio.

Il rimontaggio finale

A questo punto si rimontano i bulloni della pinza, usando un sigillante liquido e la chiave dinamometrica. È importante utilizzare i valori di coppia prescritti dalla casa costruttrice.

Ora si possono rimontare la pinza e le pastiglie dei freni della moto, in alcuni casi con molle di fissaggio, in altri senza.

Come nella fase di pulitura dei pistoni, bisogna nuovamente premere la leva del freno anteriore e il pedale di quello posteriore, fino a sentire la pressione dell’olio in tutto l’impianto frenante.

Con il tester si verifica la qualità del liquido freni. Se necessario, va sostituito.

Pastiglie, dischi e liquido freni

Durante la fase di sostituzione delle pastiglie è consigliabile verificare lo spessore dei dischi. Sui dischi stessi è indicato il livello minimo in millimetri al di sotto del quale è necessario sostituirli. In condizioni normali, è consigliabile cambiare i dischi ogni 10.000 km.

Se, come tutti sperano, le condizioni dei dischi sono ancora buone, allora si procede alla rimozione dei depositi con carta vetrata (grana 400) su entrambi i lati e alla pulitura con uno spray detergente per freni, da spalmare e asciugare con un panno sintetico.

Per quanto riguarda il liquido freni, come già detto, va controllato ad ogni cambio pastiglie o più spesso. Ogni due anni è necessario sostituirlo completamente, spurgando l’impianto frenante.