Arriva l’estate e tutti avremmo voglia di percorre diversi km in città, al mare o al lago con i capelli al vento. Ma le auto cabrio hanno costi esorbitanti e non tutti se le possono permettere!

Niente di più sbagliato. Esistono, infatti, diversi modelli di auto economiche, anche a partire da poco più di 12.000€. Tali cifre rendono sicuramente più abbordabili queste auto da sogno.

E lo sono ancora di più per i veicoli usati, la cui compravendita (al di sotto dei 10.000€ per una macchina di seconda mano) aumenta, nella misura in cui il mercato dell’automotive e le preferenze dei consumatori stanno portando verso una maggior diffusione dei Suv, a tutto svantaggio delle cabrio.

Un esempio di questa tendenza del mercato è Peugeot, che nel lontano 2001 aveva aperto il segmento delle auto cabrio economiche, con la 206 CC (sostituita dall’erede 207 CC) e con la sorella maggiore 307 CC (che lasciò il posto alla 308 CC). Oggi, però, la maison francese, ha abbandonato questa strada per seguire quella dei Crossover (2008, 3008, 5008).

Un’apertura del tettuccio limitata

Le auto cabrio economiche possono essere suddivise in due fasce, in base al prezzo di listino.

Nella prima fascia potremmo collocare tutte quelle auto che vengono vendute dai concessionari ad un prezzo compreso tra 12.000€ e 18.000€ circa, ma che come vedremo non sempre rispondono ai canoni classici del concetto di cabrio. Appartengono invece alla seconda fascia i veicoli “scoperchiabili” con un costo compreso tra 22.000€ e 26.000€.

Nella prima fascia le due auto cabrio più convenienti sono entrambe francesi.

Una è la Citroën C1 Airscape VTi Feel 3p. Feel, l’altra è la Peugeot 108 1.0 VTi Active Top, anche in questo caso nella versione a tre porte. Tutte e due queste piccole cabrio constano 12.600€. Salendo un po’ di prezzo, ci spostiamo in Germania: la Opel Adam 1.2 70 CV Air è in vendita a 16.100€.

Va detto che queste tre auto sono considerate delle cabrio, quando, in realtà, l’apertura del tettuccio non interessa il lunotto, ma solo la prima parte del padiglione.

Apertura del lunotto posteriore

Arrivando in Italia, troviamo la Fiat 500C 1.2 69 CV Pop, venduta a 17.350€: si tratta di un remake dell’antenata degli anni 50, con il tettuccio in tela apribile, con la bella differenza che la capote sparisce in soli 10 secondi, semplicemente schiacciando un tasto. Inoltre il lunotto posteriore può essere reclinato, dando al veicolo un’apparenza di apertura e respiro maggiori rispetto ai tre modelli precedenti.

La vettura più cara di questa fascia è la Smart Fortwo Cabrio 70 1.0 Twinamic Youngster: per portarla a casa serviranno 17.710€.

Tra la prima e la seconda fascia, a livello di prezzi, si passa dai 17.710€ della Smart, per arrivare ai 22.350€ per la Abarth 595C 1.4 Turbo T-jet 145 CV. Si tratta però di ben altra dotazione, in termini di motore e di prestazioni, rispetto alle cinque auto cabrio economiche viste poc’anzi.

La seconda fascia prosegue con la francese Citroën DS 3 Cabrio PureTech 110 S&S So Chic: servono ben 23.000€ tondi per avere le chiavi in mano.

Apertura completa, anche dei montanti laterali

500, Smart e DS 3 sono dotate di un sistema di apertura che coinvolge anche il lunotto posteriore, ma non vengono eliminati i montanti laterali.

Per viaggiare con solo il parabrezza a fungere da protezione dall’aria e dal sole, restano tra le auto cabrio economiche la Mini, il Maggiolone e la Mazda.

La Mini One Cabrio (23.500€), ha un tettuccio in tela che si chiude in 18 secondi, fino ad una velocità massima di 30 km/h e motorizzazioni da 102 CV a 116 CV, estremamente grintose.

La Volkswagen Maggiolino Cabriolet 1.2 TSI Design è un concentrato di stile e libertà, per non passare inosservati. A questo si aggiungano i motori, tutti rigorosamente Euro 6, benzina e diesel, dai 105 CV ai 150 CV.

La Mazda MX-5 Evolve (25.500€), infine, ha una capote rigida a scomparsa che si chiude in 12 secondi, anche in movimento (ma ad una velocità massima di 10 km/h).

Le note dolenti delle auto cabrio sono ben conosciute: i due – tre posti posteriori sono piuttosto sacrificati e il bagagliaio ha solitamente una capacità ridotta (ad esempio, solo 35 L nella Mini Cabrio).

Per chi però sia in grado di rinunciare a qualche valigia, quella delle auto cabrio è comunque la soluzione più cool per l’estate.